Close

Ottobre 27, 2012

Pisa-Carpi C.I. , il punto tecnico

AGGRESSIONE DEGLI SPAZI,   la necessità per Tulli di non stazionare troppo largo a sinistra e le difficoltà difensive quando viene saltato il centrocampo palla a terra: questo ha narrato Pisa-Carpi di Coppa Italia Lega Pro.

MODULO In Pisa-Carrarese il passaggio al 3-5-2 ha fatto rivedere il  Favasuli che ogni tanto può scattare senza palla a ridosso della fascia. In coppa, al suo posto ha giocato Barberis. Caratteristiche differenti ma abile anche a lui a  muoversi in verticale. Sull’1-0 di Tulli chiama il filtrante di Sabato: poi la ciliegina del gran tocco di prima per il cross-assist di Benedetti.

ATTACCO Il 3-5-2 inoltre tiene più nel vivo del gioco Tulli: con la Carrarese doppietta e contro il Carpi non solo il gol. In coppa Tulli è stato punto di riferimento permanente, sia in appoggio ai centrocampisti sia come rifinitore per il compagno di reparto Scappini.

CENTROCAMPO Un pallonetto a pochi metri dall’area oppure un dribbling vincente sulla propria trequarti pure col Carpi sono stati sufficienti a far saltare il dispositivo di copertura della difesa. Quando non pressa alto o addirittura sta troppo attaccato all’area di rigore, la capacità di fare filtro del centrocampo diviene precaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *